Laboratorio

Forni tubolari compatti

RD 30/200/11

Selettore-limitatore della temperatura

I forni tubolari della serie RD convincono grazie al loro imbattibile rapporto prezzo/prestazioni, le misure esterne particolarmente compatte e il peso ridotto. Questi forni versatili sono dotati di un tubo di lavoro che funge nello stesso tempo anche da supporto dei fili riscaldanti. Il tubo di lavoro rappresenta quindi un componente del riscaldamento del forno con il vantaggio che i forni raggiungono velocità di riscaldamento molto elevate. I forni tubolari sono disponibili per 1100 °C o per 1300 °C. Entrambi i modelli sono concepiti per l’impiego in orizzontale. Se il cliente desidera effettuare lavorazioni in gas inerte, è necessario inserire un altro tubo incluso sistema di erogazione gas 1, per es. in vetro di quarzo, all’interno del tubo di lavoro.

  • Tmax 1100 °C o 1300 °C
  • Corpo in lamiera strutturale d’acciaio inox
  • Diametro interno del tubo di 30 mm, lunghezza riscaldata di 200 mm
  • Tubo di lavoro in materiale C 530 con due tappi in fibra in dotazione standard
  • Termocoppia di tipo K (1100 °C) o di tipo S (1300 °C)
  • Riscaldamento silenzioso con relé a semiconduttore
  • Fili riscaldanti avvolti direttamente intorno al tubo di lavoro con conseguenti tempi di riscaldamento molto veloci
  • Applicazione definita entro i limiti delle istruzioni per l‘uso

Dotazione aggiuntiva

  • Selettore-limitatore della temperatura con temperatura di spegnimento regolabile per la classe di protezione termica 2 in base alla normativa EN 60519-2 per proteggere il forno e i prodotti da temperature eccessive.
  • Pacchetto di gasaggio per il funzionamento in gas inerti o di reazione non infiammabili
ModelloTmaxDimensioni esterne in mmDiametro tubo 
internoRiscald. lunghezzaLunghezza costante Temperatura +/- 5 KPotenza
allacciataMinuti perAllacciamentoPeso
 °C1LARGH.PROF.Hin mmin mmin mm1kWTmax2elettrico*in kg
RD 30/200/11110035020035030200651,520monofase12
RD 30/200/13130035020035030200651,525monofase12
1Indicazione fuori dal tubo. Differenza max. rispetto alla temperatura all‘interno del tubo + 30 K
2Con allacciamento a 230 V 1/N/PE o 400 V 3/N/PE *Per le indicazioni sulla tensione di alimentazione vedi pagina 60
 

Forno tubolare R 170/1000/13 Forno tubolare R 50/250/13 con pacchetto di gasaggio 2

Questi forni tubolari da tavolo compatti con unità di controllo e regolazione integrata possono essere utilizzati per molti processi universali. Generalmente con tubo di lavoro in materiale C 530 e dotati di due riempimenti in fibra, questi forni tubolari offrono un rapporto prezzo/prestazione imbattibile.

  • Tmax 1200 °C oppure 1300 °C
  • Versione standard a singola zona
  • Corpo a doppia parete in lamiera strutturale d‘acciaio inox
  • Diametro esterno del tubo da 50 mm a 170 mm, lunghezze riscaldate da 250 mm a 1000  mm
  • Tubo di lavoro in materiale C 530 inclusi due riempimenti in fibra come standard
  • Tmax 1200 °C: termocoppia di tipo N
  • Tmax 1300 °C: termocoppia di tipo S
  • Riscaldamento silenzioso con relè a semiconduttore
  • Applicazione definita entro i limiti delle istruzioni per l‘uso
  • NTLog Basic per controller Nabertherm: registrazione dei dati di processo con USB flash drive

Dotazione aggiuntiva

  • Selettore-limitatore della temperatura con temperatura di spegnimento regolabile per la classe di protezione termica 2 in base alla normativa EN 60519-2 per proteggere il forno e i prodotti da temperature eccessive
  • Regolazione carica con misurazione della temperatura nel tubo di lavoro e nella camera del forno esterno al tubo
  • Versione a tre zone (da 500 mm di lunghezza riscaldata)
  • Per impianti di immissione gas con funzionamento sotto gas inerte e sottovuoto
  • Controllo dei processi e documentazione tramite pacchetto software VCD per il monitoraggio, la documentazione e il controllo
ModelloTmaxDimensioni esterne in mmDiametro tubo esternoRiscald. 
lunghezzaLunghezza costante Temperatura +/- 5 KLunghezza del tuboPotenza allacciataAllaccia-
mento Peso
       in mm1    
 °C1LARGH.2PROF.Hin mmin mmsingola zonatre zonein mmkWelettrico*in kg
R 50/250/1212004343405085025080-4501,6monofase22
R 50/500/121200670340508505001702507002,33monofase34
R 120/500/1212006704105781205001702507006,5trifase44
R 170/750/121200920460628170750250375107010,0trifase74
R 170/1000/12120011704606281701000330500140011,5trifase89
             
R 50/250/1313004343405085025080-4501,6monofase22
R 50/500/131300670340508505001702507002,33monofase34
R 120/500/1313006704105781205001702507006,5trifase44
R 170/750/131300920460628170750250375107010,0trifase74
R 170/1000/13130011704606281701000500500140011,5trifase89
1Indicazione fuori dal tubo. Differenza max. rispetto alla temperatura all‘interno del tubo + 30 K *Per le indicazioni sulla tensione di alimentazione vedi pagina 60
2Senza tubo
3Questi valori valgono soltanto per la versione monozonale
 

Forni tubolari con cavalletto per uso orizzontale e verticale

Forno tubolare RT 50-250/11 Forno tubolare RT 50-250/13

Questi forni tubolari compatti vengono utilizzati per esperimenti di laboratorio che richiedono l'uso orizzontale, verticale o in angolazioni ben precise. Oltre all'angolo d'inclinazione variabile, l'altezza di lavoro regolabile e la struttura compatta, questi forni tubolari si distinguono anche per la possibilità di integrazione in alcuni impianti esistenti.

  • Tmax 1100 °C, 1300 °C o 1500 °C
  • Struttura compatta
  • Uso verticale o orizzontale regolabile
  • Altezza di lavoro regolabile
  • Tubo di lavoro in materiale C 530
  • Termocoppia di tipo S
  • Funzionamento possibile anche senza cavalletto nel rispetto delle norme di sicurezza
  • Impianto di distribuzione con controller montato nella parte inferiore del forno
  • Applicazione definita entro i limiti delle istruzioni per l‘uso
  • NTLog Basic per controller Nabertherm: registrazione dei dati di processo con USB flash drive
ModelloTmaxDimensioni esterne in mmDiametro tubo internoRiscald. 
lunghezzaLunghezza costante Temperatura +/- 5 KLunghezza del tuboPotenza allacciataAllaccia-
mento Peso
in
 °C1LARGH.PROF.Hin mmin mmin mm1in mmkWelettrico*kg
RT 50-250/11110035038074050250803601,8monofase25
RT 50-250/13130035038074050250803601,8monofase25
RT 30-200/15150044547574030200703601,8monofase45
1Indicazione fuori dal tubo. Differenza max. rispetto alla temperatura all‘interno del tubo + 30 K *Per le indicazioni sulla tensione di alimentazione vedi pagina 60
 

Forni tubolari ad alta temperatura con riscaldamento a barre SiC atmosfera gassosa o sottovuoto

Forno tubolare RHTC 80-230/15 con sistema di gasaggio manuale Forno tubolare RHTC 80-450/15

Riscaldamento tramite barre SiC

Questi forni tubolari compatti dotati di riscaldamento a barre SiC nonché di impianto di distribuzione integrato con controller sono utilizzabili universalmente per molteplici processi. Un tubo di lavoro facilmente sostituibile nonché la possibilità di montare accessori consentono un uso flessibile e rendono questi forni adatti ad una vasta gamma di applicazioni. L'isolamento in fibra di alta qualità consente brevi tempi di riscaldamento e di raffreddamento, mentre le barre di riscaldamento in carburo di silicio disposte in parallelo rispetto al tubo di lavoro garantiscono un'eccellente uniformità della temperatura. Imbattibile è il rapporto prezzo/prestazione in questa gamma di temperatura.

  • Tmax 1500  °C
  • Corpo in lamiera strutturale d‘acciaio inox
  • Isolamento in fibra di alta qualità
  • Raffreddamento attivo del corpo per basse temperature alle superfici
  • Termocoppia tipo S
  • Riscaldamento silenzioso con relè a semiconduttore
  • Predisposto per il montaggio di tubi di lavoro con flange raffreddate ad acqua
  • Tubo in ceramica di qualità C 799
  • Applicazione definita entro i limiti delle istruzioni per l‘uso
  • NTLog Basic per controller Nabertherm: registrazione dei dati di processo con USB flash drive

Dotazione aggiuntiva

  • Selettore-limitatore della temperatura con temperatura di spegnimento regolabile per la classe di protezione termica 2 in base alla normativa EN 60519-2 per proteggere il forno e i prodotti da temperature eccessive
  • Regolazione carica con misurazione della temperatura nel tubo di lavoro e nella camera del forno esterno al tubo
  • Riempimenti in fibra
  • Valvola di non ritorno sull'uscita del gas impedisce infiltrazioni d'aria
  • Tubi di lavoro per il servizio con flange raffreddate ad acqua
  • Indicazione della temperatura nel tubo di lavoro con termocoppia aggiuntiva
  • Per impianti di immissione gas alternativi con funzionamento sotto gas inerte e sottovuoto
ModelloTmaxDimensioni esterne in mmDiametro tubo esternoRiscald. lunghezzaLunghezza costante Temperatura +/- 5 KLunghezza del tuboPotenza 
allacciataAllacciamento Peso
 °C3LARGH.PROF.Hin mmin mmin mm3in mmkWelettrico*in kg
RHTC 80-230/15150060043058080230806007,5trifase250
RHTC 80-450/1515008204305808045015083011,3trifase170
RHTC 80-710/151500107543058080710235108013,8trifase190
1Riscaldamento solo tra due fasi *Per le indicazioni sulla tensione di alimentazione vedi pagina 60
2Riscaldamento solo tra fase 1 e conduttore N 3Indicazione fuori dal tubo. Differenza max. rispetto alla temperatura all‘interno del tubo + 30 K
 

Forni tubolari ad alta temperatura per uso orizzontale e per uso verticale; fino a 1800 °C atmosfera gassosa o sottovuoto

Forno tubolare RHTH 120/600/17 Forno tubolare RHTV 120/480/16 LBS icon tubo di lavoro chiuso su un lato, dispositivi opzionali per protezione gas e vuoto, azionamento elettrico del mandrino del tavolo elevatore

Forno tubolare verticale RHTV 50/150/17 con cavalletto e pacchetto di gasaggio 2 come dotazione aggiuntiva

Forno tubolare RHTH 120/600/18

I forni tubolari ad alta temperatura sono disponibili sia orizzontali (tipo RHTH) che verticali (tipo RHTV). I pregiati materiali di isolamento in lastre in fibra formate a decompressione consentono il funzionamento con risparmio di energia e tempi di riscaldamento elevati in ragione di una tenuta e una conducibilità di calore ridotti. Con l‘aggiunta di vari pacchetti di gasaggio è possibile lavorare in gas inerti o di reazione non infiammabili o infiammabili o anche sottovuoto.

  • Tmax 1600 °C, 1700 °C o 1800 °C
  • Elementi riscaldanti in MoSi2, disposti in sospensione e facili da sostituire
  • Isolamento in lastre ceramiche di fibra formate a decompressione
  • Corpo esterno rettangolare con fessure per il raffreddamento a convezione
  • Forni tubolari RHTV con cavalletto per uso verticale
  • Corpo in lamiera strutturale d‘acciaio inox
  • Tubo di lavoro in ceramica C 799, incluso riempimento in fibra, per il funzionamento esterno incluso nella fornitura
  • Termocoppia di tipo B
  • Unità di potenza con trasformatore a bassa tensione e regolatore a tiristori
  • Selettore-limitatore della temperatura con temperatura di spegnimento regolabile per la classe di protezione termica 2 in base alla normativa EN 60519-2 per proteggere il forno e i prodotti da temperature eccessive e con gradiente massimo di temperatura regolabile a protezione del tubo
  • Impianto di distribuzione con controller separato dal forno e collocato nell‘armadio autonomo fisso
  • Applicazione definita entro i limiti delle istruzioni per l‘uso
  • NTLog Basic per controller Nabertherm: registrazione dei dati di processo con USB flash drive

Dotazione aggiuntiva

  • Regolazione carica con misurazione della temperatura nel tubo di lavoro e nella camera del forno esterno al tubo
  • Indicazione della temperatura nel tubo di lavoro con termocoppia aggiuntiva
  • Flangia a tenuta di gas per funzionamento a gas protettivo e sottovuoto
  • Sistema di gasaggio manuale o automatico
  • Versione a tre zone per ottimizzare l‘uniformità della temperatura (solo forni tubolari RHTH)
  • Valvola di non ritorno sull'uscita del gas impedisce infiltrazioni d'aria
  • Controllo dei processi e documentazione mediante pacchetto software VCD o Nabertherm Control-Center NCC per il monitoraggio, la documentazione e la gestione
ModelloTmaxDimensioni esterne in mmMax diametro tuboRiscald. lunghezzaLunghezza costante Temperatura +/- 5 KLunghezza del tuboPotenza allacciataAllacciamento Peso
Versione orizzontale°C3LARGH.2PROF.Hesterno in mmin mmin mm3in mmkWelettrico*in kg
RHTH 50/150/..1600 oppure47048064050150503805,4trifase170
RHTH 80/300/..1700 oppure620550640803001005309,0trifase190
RHTH 120/600/..180092055064012060020083014,4trifase1110
ModelloTmaxDimensioni esterne in mmMax diametro tuboRiscald. lunghezzaLunghezza costante Temperatura +/- 5 KLunghezza del tuboPotenza allacciataAllacciamento Peso
Versione verticale°C3LARGH.PROF.H2esterno in mmin mmin mm3in mmkWelettrico*in kg
RHTV 50/150/..1600 oppure50065051050150303805,4trifase170
RHTV 80/300/..1700 oppure580650660803008053010,3trifase190
RHTV 120/600/..180058065096012060017083019,0trifase1110
1Riscaldamento solo tra due fasi *Per le indicazioni sulla tensione di alimentazione vedi pagina 60
2Senza tubo 3Indicazione fuori dal tubo. Differenza max. rispetto alla temperatura all‘interno del tubo - 50 K
 

Forni tubolari apribili per uso orizzontale o verticale; fino a 1300 °C atmosfera gassosa o sottovuoto

Forno tubolare RSV 170/750/13 Forno tubolare RS 120/1000/13S con tubo a tenuta di gas, elementi riscaldanti integrati in un modulo in fibra, regolazione carica e valvola di non ritorno all‘uscita gas

Forno tubolare RS 120/750/13 con pacchetto di gasaggio 4, funzionamento con idrogeno

Vetro quarzo e flangia per il funzionamento con gas protettivo come dotazione aggiuntiva

Forno tubolare RSH 120/1000/11S, controllo a tre zone, incl. separatori di zona per raggiungere un gradiente di temperatura

Forno tubolare RSH 50/500/13

Questi forni tubolari possono essere utilizzati in modalità orizzontale (RSH) o verticale (RSV). Il design apribile consente una facile sostituzione del tubo di lavoro (per esempio tubi di differente materiale) per essere comodamente inseriti o rimossi.

Mediante l‘utilizzo dei molteplici accessori questi forni tubolari possono essere configurati in modo ottimale per il vostro processo. Aggiornando i forni con i diversi sistemi di erogazione di gas l‘operatività in atmosfera gassosa protettivo, sotto vuoto o con gas reattivi e/o protettivi infiammabili è possibile. Sono inoltre disponibili oltre ai controller standard, i moderni sistemi di controllo PLC.

  • Tmax 1100 °C o 1300 °C
  • Corpo in lamiera strutturale d‘acciaio inox
  • Tmax 1100 °C: termocoppia di tipo N
  • Tmax 1300 °C: termocoppia di tipo S
  • Per l'utilizzo verticale con telaio verticale supplementare (RSV)
  • Versione apribile per un'agevole sostituzione del tubo
  • Tubo di lavoro in materiale C 530 per uso esterno incluso nella fornitura
  • Elementi riscaldanti su tubi di supporto garantiscono una libera radiazione
  • RSV: impianto di distribuzione con controller separato dal forno collocato in un armadio autonomo fisso o a muro
  • RSH: impianto di distribuzione con controller integrato nella struttura del forno
  • Applicazione definita entro i limiti delle istruzioni per l‘uso
  • NTLog Basic per controller Nabertherm: registrazione dei dati di processo con USB flash drive

Dotazione aggiuntiva

  • Regolazione carica con misurazione della temperatura nel tubo di lavoro e nella camera del forno esterno al tubo
  • Indicazione della temperatura nel tubo di lavoro con termocoppia aggiuntiva
  • Diversi pacchetti di gasaggio per gas inerti o di reazione non infiammabili o infiammabili e per il funzionamento sottovuoto
  • Versione a tre zone per ottimizzare la uniformità della temperatura
  • Sistemi di raffreddamento per il raffreddamento accelerato del tubo di lavoro e della carica
  • Valvola di non ritorno sull'uscita del gas impedisce infiltrazioni d'aria
  • Basamento con impianto di distribuzione integrato e controller
  • Controllo dei processi e documentazione mediante pacchetto software VCD o Nabertherm Control-Center NCC per il monitoraggio, la documentazione e la gestione
ModelloTmaxDimensioni esterne in mmMax diametroRiscald. Lunghezza costanteLunghezzaPotenza allacciataAllacciamento Peso
 tubo esterno
lunghezza
Temperatura +/- 5 K 
in mm1del tubo

kW3 in 

 °C1LARGH.2PROF.Hin mmin mmsingola zonatre zonein mm1100 °C1300 °Celettrico*kg
RSH 50/250/.. 4203705105025080-650 1,9 1,9monofase25
RSH 50/500/..110067037051050500170250850 3,4 3,4monofase436
RSH 120/500/..oppure670440580120500170250850 6,6 6,6trifase446
RSH 170/750/..13009204906301707502503751100 10,6 12,0trifase476
RSH 170/1000/.. 117049063017010003305001350 13,7 13,7trifase491
              
RSV 50/250/.. 5455909755025080-650 1,9 1,9monofase25
RSV 50/500/..1100545590122550500170250850 3,4 3,4trifase436
RSV 120/500/..oppure6155901225120500170250850 6,6 6,6trifase446
RSV 170/750/..130066559014751707502503751100 10,6 12,0trifase476
RSV 170/1000/.. 665590172517010003305001350 13,7 13,7trifase491
1Indicazione fuori dal tubo. Differenza max. rispetto alla temperatura all‘interno del tubo + 30 K 3a 415 Volt
2Senza tubo 4in caso di esecuzione a tre zone è necessario un conduttore N (3/N/PE)
*Per le indicazioni sulla tensione di alimentazione vedi pagina 60
 

Forni tubolari rotativi per processi funzionamento batch fino a 1100 °C

Forno tubolare rotante RSRB 120/750/11 come modello da tavolo per funzionamento batch Forno tubolare rotante RSRB 120/500/11

Forno tubolare rotante inclinato verso il lato destro per il carico e l‘impiego in batch

Forno tubolare rotante inclinato verso il lato sinistro per lo scarico

Set di collegamento per funzionamento sotto vuoto

Tappi di chiusura a tenuta di gas per tubo in vetro di quarzo chiuso su un lato

I forni tubolari rotativi della serie RSRB sono ideali per le operazioni in batch. La rotazione permanente del tubo di lavoro garantisce il movimento costante della carica. Grazie alla particolare forma del reattore in quarzo con le estremità rastremate la carica è mantenuta nel forno tubolare rotante e può essere riscaldata arbitrariamente per un lungo periodo di tempo, è possibile anche un riscaldamento controllato secondo profili di temperatura.

  • Tmax 1100 °C
  • Termocoppia di tipo K
  • Corpo in lamiera strutturale di acciaio inossidabile
  • Forno tubolare realizzato come modello da tavolo con reattore al vetro di quarzo aperto su entrambi i lati, rastremato ai lati
  • Il reattore viene rimosso per permettere lo svuotamento del forno tubolare rotante. L‘azionamento senza cinghia e la struttura a cerniera del forno (temperatura di apertura <180 °C), consentono una rimozione facilitata.
  • Azionamento a regolazione continua da circa 2-45 giri/min
  • Impianto di distribuzione con controller separato dal forno tubolare collocato in un armadio autonomo fisso o a muro
  • Applicazione definita entro i limiti delle istruzioni per l‘uso
  • NTLog Basic per controller Nabertherm: registrazione dei dati di processo con USB flash drive

Dotazione aggiuntiva

  • Regolazione a tre zone per ottimizzare l’uniformità della temperatura
  • Indicazione della temperatura nel tubo di lavoro con misurazione tramite termocoppia aggiuntiva
  • Regolazione della carica tramite termocoppia aggiuntiva nel tubo di lavoro
  • Diversi sistemi di gasaggio garantiscono un buon flussaggio della carica con il gas di processo attraverso l‘immissione da un lato del tubo e la fuoriuscita dall‘altro lato
  • Sistema di alimentazione rotativo a tenuta di gas, per il collegamento del reattore rotante al sistema di alimentazione di gas
  • Valvola di non ritorno sull’uscita del gas impedisce infiltrazioni d’aria
  • Versione per vuoto, a seconda della pompa impiegata fino a 10-2 mbar
  • Reattore in vetro di quarzo aperto su entrambi i lati con protuberanze per una migliore miscelazione della carica nel tubo
  • Pacchetto per facilitare il caricamento e lo scarico del tubo di lavoro, nella seguente versione:
    • Reattore di miscelazione in vetro di quarzo con lamina integrata per una migliore miscelazione della carica, chiuso su un lato, grande apertura sull‘altro lato
    • Meccanismo di ribaltamento sinistra/destra Per il riempimento e per il trattamento termico, il forno viene ribaltato verso destra fino alla battuta, in modo che la carica viene fatta confluire all’interno del forno. Per lo svuotamento il forno tubolare rotante viene girato dall’altra parte, per fare uscire la polvere dal reattore. Non è più necessario rimuovere il reattore
    • Forno tubolare rotante montato su basamento con impianto di distribuzione integrato e controller, incl. rotelle di trasporto
  • Controllo dei processi e documentazione mediante pacchetto software VCD o Nabertherm Control-Center NCC per il monitoraggio, la documentazione e la gestione
ModelloTmaxDimensioni esterne in mmMax diametroØ Estremità diRiscald.Lunghezza costanteLunghezzaPotenzaAllacciamentoPeso
  (Modello da tavolo)tubo esterno/collegamentolunghezzaTemperatura +/- 5 K 
in mm3del tuboallacciata in
 °C3LARGH.PROF.Hin mmin mmin mmsingola zonatre zonein mmkWelettrico*kg
RSRB 80-500/1111001145475390762850017025011403,7monofase100
RSRB 80-750/1111001395475390762875025037513904,9trifase2115
RSRB 120-500/11110011455254401062850017025011405,1trifase2105
RSRB 120-750/11110013955254401062875025037513906,6trifase1120
RSRB 120-1000/111100164552544010628100033050016409,3trifase1125
1Riscaldamento solo tra due fasi *Per le indicazioni sulla tensione di alimentazione vedi pagina 60
2Riscaldamento solo tra fase 1 e conduttore N 3Indicazione fuori dal tubo. Differenza max. rispetto alla temperatura all‘interno del tubo + 30 K
 

Forni tubolari rotativi per processi continui fino a 1300 °C

Forno tubolare rotativo RSRC 120/1000/13 H2 per processi in idrogeno o sottovuoto, incluso sistema di sicurezza Forno tubolare rotante RSRC 120/750/13

Coclea con velocità regolabile

Coclee con passi diversi per l’adattamento della quantità trasportata

Adattatori per il funzionamento alternato con tubo di lavoro o reattore di processo

Generatore di vibrazioni sulla tramoggia di riempimento per un migliore apporto di polvere

I forni tubolari rotativi RSRC sono particolarmente adatti per processi in cui il materiale è in continuo scorrimento ed è riscaldato per un breve periodo.

Il forno tubolare rotante è posizionato leggermente inclinato e riscaldato fino alla temperatura obiettivo. L‘ approvvigionamento continuo del materiale avviene quindi dall‘estremità superiore del tubo. Esso passa attraverso l‘area riscaldata del tubo e cade all‘estremità inferiore dal tubo. La durata del trattamento termico deriva dall‘angolo di inclinazione, dalla velocità di rotazione e dalla lunghezza del tubo di lavoro, nonché dalla capacità di flusso del materiale trattato.

Equipaggiato con il sistema opzionale di carico chiuso per 5 litri di materiale di carico incl. recipiente, il forno tubolare rotante può essere utilizzato anche per processi sotto gas inerte o sotto vuoto.

A seconda del processo, del tipo di carica e della temperatura massima necessaria, possono essere utilizzati diversi tubi di lavoro, in vetro di quarzo, in ceramica o in metallo (vedi pagina 42). Questo forno tubolare rotante è quindi altamente adattabile per molteplici processi.

Dotazione aggiuntiva

  • Regolazione a tre zone per ottimizzare l’uniformità della temperatura
  • Indicazione della temperatura nel tubo di lavoro con misurazione tramite termocoppia aggiuntiva
  • Regolazione della carica tramite termocoppia aggiuntiva nel tubo di lavoro
  • Diversi sistemi di gasaggio con buon flussaggio della carica con gas di processo in controcorrente (solo in combinazione con il sistema di alimentazione di seguito)
  • Valvola di non ritorno sull’uscita del gas impedisce infiltrazioni d’aria
  • Versione per vuoto, a seconda della pompa impiegata fino a 10-2 mbar
  • Sistema di carica per trasporto continuo di materiale, costituito da:
    • Imbuto in acciaio inox incl. generatore di vibrazioni elettrico per ottimizzare l‘approvvigionamento del materiale nel tubo di lavoro
    • Coclea di trasporto materiale all‘ingresso del tubo di lavoro guidata elettricamente, con 10, 20 o 40 mm di passo e la velocità regolabile tra 0,28 e 6 giri al minuto, trasmissioni ad ingranaggi differenti per altre velocità a richiesta
    • Bottiglia di raccolta dal vetro di laboratorio sullo scarico del tubo di lavoro
    • Adatto per processi in atmosfera gassosa o sottovuoto
  • Azionamento lineare elettrico per la regolazione dell’angolo di inclinazione
  • Temperature superiori ai 1600  °C disponibili a richiesta
  • Regolazione PLC per la gestione della temperatura e il comando dei gruppi annessi, ad es. azionamento e velocità della coclea, velocità del tubo di lavoro, azionamento del generatore di vibrazioni, ecc.
  • Controllo dei processi e documentazione mediante pacchetto software VCD o Nabertherm Control-Center NCC per il monitoraggio, la documentazione e la gestione
ModelloTmaxDimensioni esterne in mmMax diametroRiscald. Lunghezza costanteLunghezzaPotenzaAllacciamentoPeso
     tubo esternolunghezzaTemperatura +/- 5 K in mm3del tuboallacciata in
 °C3LARGH.PROF.Hin mmin mmsingola zonatre zonein mmkWelettrico*kg
RSRC 80-500/1111002505104516558050017025015403,7monofase555
RSRC 80-750/1111002755104516558075025037517904,9trifase2570
RSRC 120-500/11110025051045171511050017025015405,1trifase2585
RSRC 120-750/11110027551045171511075025037517906,6trifase1600
RSRC 120-1000/111100300510451715110100033050020409,3trifase1605
             
RSRC 80-500/1313002505104516558050017025015406,3trifase1555
RSRC 80-750/1313002755104516558075025037517909,6trifase1570
RSRC 120-500/13130025051045171511050017025015408,1trifase1585
RSRC 120-750/131300275510451715110750250375179012,9trifase1600
RSRC 120-1000/1313003005104517151101000330500204012,9trifase1605
1Riscaldamento solo tra due fasi *Per le indicazioni sulla tensione di alimentazione vedi pagina 60
2Riscaldamento solo tra fase 1 e conduttore N
3Indicazione fuori dal tubo. Differenza max. rispetto alla temperatura all‘interno del tubo + 30 K
 

Impianti per l‘immissione del gas/funzionamento sottovuoto per forni tubolari

Pacchetto di gasaggio 1: Riempimenti in fibra con allaccio del gas con sicura, adatti per numerose applicazioni in laboratorio

Flange in acciaio inox raffreddate ad acqua

Sistema di gasaggio per gas inerte o di reazione non infiammabile con rubinetto di intercettazione e flussometro con valvola di regolazione, dotato di tubazione pronta per l‘attacco

Finestra per visibilità interna come elemento aggiuntivo per flange a tenuta di gas

Le serie di forni possono essere potenziate per il funzionamento con gas infiammabili e non infiammabili oppure sottovuoto mediante l'integrazione con vari apparati aggiuntivi.

Pacchetto di gasaggio 1 per gas inerti o di reazione non infiammabili Non a tenuta di gas senza funzionamento sottovuoto

Questo pacchetto rappresenta una versione base sufficiente per molte applicazioni, per il funzionamento con gas inerti o di reazione non infiammabili. Il tubo di lavoro standard incluso nel forno in materiale C 530 può essere utilizzato in seguito.

  • Disponibile per forni tubolari RD, R; RT, RSH e RSV
  • Può essere utilizzato il tubo di lavoro standard
  • 2 riempimenti in fibra ceramica porosa e non classificata con attacchi per gas protettivo
  • Sistema di immissione del gas protettivo non infiammabile (Ar, N2, Forming gas, altri a richiesta ) con rubinetto di chiusura e flussometro con valvola regolabile, dotato di tubazione pronta per l‘attacco. Una pressione d‘entrata del gas a 300 mbar deve essere fornita dal cliente.

Dotazione aggiuntiva

  • Ampliamento del sistema di immissione del gas per un secondo nonché terzo tipo di gas non infiammbile
  • Riduttore di pressione per bombole di gas
  • Accensione e spengimento automatici con i segmenti di programma del controller, possibili soltanto con sistemi di controllo che includono funzioni aggiuntive programmabili
Pacchetto di gasaggio 2 per gas inerti o di reazione non infiammabili/per funzionamento sottovuoto

Consigliamo l‘utilizzo di questa apparecchiatura per il gas in caso di elevate esigenze di purezza dell‘atmosfera nel tubo di lavoro. Questo sistema può essere inoltre integrato al funzionamento sottovuoto.

  • Disponibile per forni tubolari R, RSH, RSV, RSRB, RSRC, RHTC, RHTH, RHTV
  • Sistema di immissione del gas protettivo non infiammabile (Ar, N2, Forming gas, altri a richiesta ) con rubinetto di chiusura e flussometro con valvola regolabile, dotato di tubazione pronta per l‘attacco. Una pressione d‘entrata del gas a 300 mbar deve essere fornita dal cliente.
  • Dotazioni aggiuntive per forni tubolari statici
    • Tubo di lavoro più lungo a tenuta di gas in materiale C 610 per forni fino a 1300 C o da C 799 per temperature superiori a 1300 C
    • 2 flange in acciaio inossidabile sottovuoto con raffreddamento ad acqua con flangia KF con scarico laterale (è disponibile l‘alimentazione di acqua fredda con scarico tubolare NW9 a seconda delle esigenze del cliente)
    • Dispositivo di arresto nel forno per la flangia
  • Dotazioni aggiuntive per i modelli RSRC (operatività in continuo): sistema di carico
  • Dotazioni aggiuntive per i modelli RSRB: guida rotativa a tenuta di gas in ingresso e scarico gas, radiatore gas e valvola di scarico gas.

Dotazione aggiuntiva

  • Ampliamento del sistema di immissione del gas per un secondo nonché terzo tipo di gas non infiammabile
  • Riduttore di pressione per bombole di gas
  • Accensione e spengimento automatici con i segmenti di programma del controller, possibili soltanto con sistemi di controllo che includono funzioni aggiuntive programmabili
  • Fornitura di gas programmabile attraverso regolatori di flusso di massa (solo in abbinamento con i regolatori PLC)
  • Tubi di processo disponibili in diversi materiali
  • Veloci fermi per flange raffreddate ad acqua
  • Stazione di raffreddamento per il circuito dell‘acqua
  • Finestra per visibilità interna consente di osservare la carica in caso di utilizzo di flange a tenuta di gas

Funzionamento sottovuoto

  • Pacchetto sottovuoto per l‘evacuazione del tubo di lavoro, composto da connettore per l‘uscita del gas, valvola a sfera, manometro, pompa per vuoto a palette azionata manualmente con tubo flessibile ondulato in acciaio e collegata allo scarico del gas, max. pressione finale raggiungibile nel tubo di lavoro a seconda del tipo di pompa
  • Pompe per una pressione finale massima fino a 10-5 mbar (i modelli RSRB/RSRC fino a 10‑2 mbar) su richiesta
  • La diminuzione della resistenza del tubo di lavoro in caso di alte temperature limita la temperatura d’esercizio massima sotto vuoto
 

RHTH 120-600/18 con pacchetto di gasaggio 4 per l'uso con idrogeno

Flange terminali raffreddate ad acqua con chiusure rapide come dotazione aggiuntiva

Pacchetto di gasaggio 4 per idrogeno completamente automatico operatività senza sorveglianza

Mediante l‘integrazione del forno tubolare con l‘apparato gas 4 è possibile usare il forno in atmosfera con idrogeno. Con il funzionamento con idrogeno nel tubo di lavoro viene garantita una sovrapressione di sicurezza di circa 30 mbar. Idrogeno eccedente viene bruciato in una torcia per lo scarico del gas. Con l'utilizzo di una logica di sicurezza avanzata con serbatoio di azoto per il lavaggio d'emergenza integrato, l'impianto può essere usato in modalità completamente automatica, senza sorveglianza. Grazie al controller PLC di sicurezza il prelavaggio, l'immissione di idrogeno, il funzionamento, il monitoraggio errori ed il lavaggio a fine processo sono eseguiti automaticamente. In caso di errore il tubo viene lavato subito con azoto e l'impianto viene portato automaticamente in uno stato sicuro.

  • Disponibile per forni tubolari RSH, RSV, RSRC, RHTH and RHTV
  • Sistema di sicurezza per il funzionamento con gas infiammabili, compreso il controllo della funzione torcia e sovrapressione
  • Controller di sicurezza esteso con lavaggio d'emergenza del tubo in caso di errore
  • Serbatoio per lavaggio d'emergenza
  • Controllo tramite PLC di sicurezza con touch panel per l'immissione dei dati
  • Torcia per lo scarico di gas
  • Pressostato per il monitoraggio della sovrapressione di sicurezza
  • Sistema di gasaggio per H2 ed N2. La regolazione quantitativa avviene manualmente (il cliente dovrà provvedere a mettere a disposizione un‘alimentazione H2 ad 1 bar, un‘alimentazione N2 a 10 bar, un‘alimentazione di aria a 6-8 bar ed un‘alimentazione di propano a 300 mbar)

Dotazione aggiuntiva

  • Ampliamento del sistema di fornitura gas per altri tipi di gas infiammabili
  • Operazioni con altri gas infiammabili a richiesta
  • Riduttore di pressione bombola per il gasaggio per mezzo di bombole di gas
  • Stazione di raffreddamento per circuito dell'acqua di raffreddamento chiuso
  • Pacchetti sottovuoto (in caso di funzionamento con idrogeno utilizzabile solo per il presvuotamento)
  • Fornitura gas attraverso regolatori automatici di flusso comandabili in funzione del programma
 

Pompe per vuoto

Pompa sottovuoto per funzionamento fino a 10-5 mbar

Indicatore di pressione indipendente per un range di pressione di 10-3 mbar o 10-9 mbar

In base alla pressione finale sono disponibili diverse pompe

  • Pompa rotativa monostadio per una pressione finale raggiungibile di ca. 20 mbar.
  • Pompa rotativa doppia stadio per una pressione finale raggiungibile di ca. 10-2 mbar.
  • Supporto pompa turbomolecolare (pompa a membrana con pompa turbomolecolare a valle) per una pressione finale raggiungibile fino a 10-5 mbar.
  • Indicatore di pressione indipendente per un range di pressione di 10-3 mbar o 10-9 mbar come accessorio addizionale
Nota bene:

Per proteggere la pompa per vuoto è ammesso soltanto uno svuotamento a freddo.

 

Opzioni di regolazione per forni tubolari

Regolazione camera a tre zone

Regolazione del vano forno

Regolazione carica

Termocoppia per la regolazione della carica nel forno RHTH 120/600/18

Fase di sinterizzazione con idrogeno in un forno tubolare della serie RHTH

Regolazione camera a tre zone

La temperatura viene misurata da termocoppie posizionate all‘esterno del tubo di lavoro, uno al centro e due ai lati. Le zone esterne sono controllati con un setpoint equivalente rispetto alla zona centrale. Ciò permette di compensare la perdita di calore alle estremità del tubo per garantire una zona estesa di temperatura costante (+/- 5 K).

Regolazione del vano forno 
con misurazione della temperatura nel vano forno al di fuori del tubo di lavoro.

  • Vantaggi: Termocoppia protetta contro danneggiamenti e prodotti aggressivi, regolazione molto uniforme, conveniente
  • Svantaggio: Differenza tra la temperatura indicata sul controller e la temperatura all‘interno del tubo

Pacchetto di ampliamento per regolazione camera

  • con ulteriore misurazione della temperatura nel tubo di lavoro ed indicazione della temperatura

Regolazione carica 
con misurazione della temperatura sia nel vano forno al di fuori del tubo di lavoro sia nel tubo ovvero sulla carica.

  • Vantaggi: Regolazione molto precisa e rapida
  • Svantaggio: Costi
Confronto regolazione del vano forno/Regolazione caricaRegolazione del vano forno

Solo la temperatura del vano del forno viene misurata e regolata. Per evitare sollecitazioni eccessive, la regolazione avviene lentamente. Dal momento che la temperatura della carica non viene qui misurata e regolata, questa si discosta di alcuni gradi dalla temperatura del vano del forno.

Regolazione carica

Con la regolazione carica attivata viene regolata sia la temperatura della carica sia la temperatura della camera. Con l‘ausilio di vari parametri i processi di riscaldamento e raffreddamento possono essere adattati alle specifiche esigenze, ottenendo una regolazione termica molto più precisa sulla carica.